L'allevamento

I nostri gatti siberiani sono testati con risultato negativo su FIV e FELV

 

I nostri Pedigree sono riconosciuti

 

logo wcf

WCF

banner_afi

AFI

logo-agi-neroS

AGI

Fiaf home_logo

FIAF

logo_afef_med

AFEF

 

 

Tutta la nostra giornata ruota attorno agli animali. I gatti hanno la priorità su tutto il resto, soprattutto i cuccioli che ovviamente sono più bisognosi di attenzione. E' molto importante osservare più volte al giorno il comportamento dei gatti, in modo da notare subito se c'è qualcosa che non va. Tutti i nostri mici vivono in casa, il secondo piano della casa è dedicato a loro, sono suddivisi in stanze per evitare litigi o accoppiamenti non autorizzati. In particolare tutte le cucciolate nascono in camera da letto con me, ciò è indispensabile per poter seguire la mamma durante il parto e assisterla in caso di necessità.

Da quando abbiamo deciso di allevare i gatti siberiani, abbiamo imparato a conoscerne le caratteristiche e il carattere. Quindi abbiamo notato la differenza fra quelli nati da noi e quelli adottati in altri allevamenti: tranne qualche eccezione sono tutti gatti un po schivi, non amano molto le coccole. Quelli nati da noi hanno un imprinting umano fin dal primo secondo, considerano l’uomo come un loro simile, non hanno paura dei cani o dei rumori forti perché in casa nostra fra cani gatti e Cleo (Pappagallo cenerino) c’è un continuo rumoreggiare, non si nascondono quando arrivano amici in casa, anzi li vengono a salutare.

Quello che conta per noi è educare in maniera corretta il cucciolo perfezionandone il carattere, in modo che sia il più equilibrato possibile e compatibile sia coi bambini che con gli anziani. Fin dal primo istante dopo la nascita, assieme alla loro mamma, i cuccioli hanno modo di vedere l’essere umano considerandolo per il resto della vita un fedele compagno, al pari degli altri gatti. La socializzazione è fondamentale, sia tra fratelli sia con altri animali; infatti il cucciolo non viene ceduto prima dei 75 giorni proprio per consentirgli una piena crescita psicologica. Inoltre in casa entra in contatto, una volta più grandicello, con i nostri tre cani e con il nostro pappagallo Cleo. Sono tutti stimoli che aiutano il cucciolo ad essere estremamente aperto alle esperienze e a non temere le novità, i rumori forti, gli ospiti che arrivano a casa, i temporali, il veterinario dal quale vengono portati per controlli e vaccini, ecc ecc…

Un’altra cosa che abbiamo deciso di fare è tentare di seguire la natura del gatto siberiano nell’alimentazione. Dopo molteplici tentativi con scatolette di tutte le marche migliori sul mercato italiano ed estero, continui problemi intestinali e spese non indifferenti fra alimenti in scatola e croccantini, ma sopratutto di veterinario, abbiamo deciso di trovare alternative; quello che ci ha fatto convincere definitivamente è stato il caso del nostro Silvestro che si è avvelenato con le scatolette. Studiando nei vari libri e siti web, sia in inglese che in italiano, abbiamo provato l’alimentazione B.A.R.F. un acronimo che significa Bones And Raw Food o Biologically Appropriate Raw Food. Con la somministrazione degli alimenti a crudo, carne, verdure, ossa, abbiamo notato dei cambiamenti incredibili sia nei nostri cani che nei nostri gatti! Silvestro (che aveva rischiato la vita e che grazie alle cure di due veterinari Riccardo e Paolo si è salvato) con l’alimentazione B.A.R.F., è diventato uno stupendo esemplare di siberiano, era circa 2,5 kg quando stava male ora supera i 6 kg, il pelo è perfetto, non ha mai più avuto problemi renali o intestinali. Tutti i nostri gatti siberiani mangiano B.A.R.F. e stanno benissimo, la pelliccia è migliorata, nessun problema intestinale, le mamme hanno prodotto latte fino alla fine dello svezzamento, mentre prima avevamo problemi di mastiti continue. Insomma a chi adotta i nostri cuccioli di gatto siberiano consigliamo vivamente di continuare questo tipo di alimentazione, e diamo l'aiuto e i consigli necessari per farlo.

TOP